Un cadavere nel casolare scoperto dopo un mese

Montescudaio, il corpo in avanzata decomposizione è di un uomo di circa 50 anni Il ritrovamento in un immobile disabitato, sul caso indagano i carabinieri

MONTESCUDAIO. Potrebbe esserci una storia di emarginazione e povertà dietro il ritrovamento del cadavere di un uomo sulle colline di Montescudaio. I soccorsi sono stati attivati l’altro pomeriggio dopo le 19 quando il fattore dell’azienda agricola Poggio Gagliardo, Roberto Spinelli, mentre faceva un giro di ricognizione dei casolari, ha trovato il cadavere di un uomo dall’età apparente di circa 50 anni. L’odore che usciva da quelle stanze diroccate ha convinto subito il fattore che potesse esserci qualcosa in decomposizione. E solo quando ha guardato meglio si è reso conto che c’erano in resti di un uomo che era in avanzato stato di decomposizione. Immediata la richiesta di intervento alle forze dell’ordine, stando a quanto è stato spiegato, partita dall’azienda agricola proprio per segnalare il ritrovamento.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Volterra e di Guardistallo. La salma è stata trasportata a Cecina su disposizione della Procura di Livorno che ha aperto un fascicolo sulla vicenda anche se al momento non ci sono molti dubbi sul fatto che la vittima possa essere morto per cause naturali. Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza, così come niente fa pensare ad una colluttazione ad un trascinamento del corpo. È stato effettuato un lungo sopralluogo con l’intervento sul posto del medico legale per avere un primo riscontro sulle cause della morte.

Stando a quanto è stato spiegato dai carabinieri di Volterra, l’ipotesi più probabile è che la morte dell’uomo sia avvenuta per cause naturali. Potrebbe essere un senzatetto che aveva cercato riparo nel casolare e poi ha avuto un malore. Capita spesso, infatti, che i casolari abbandonati sulle colline possano diventare un luogo dove persone che non hanno una casa cercano rifugio per trascorrere la notte.

Il magistrato di turno che si occupa della vicenda ha deciso di fare trasferire la salma a medicina legale per l’autopsia che chiarirà le cause della morte. La vittima non aveva documenti e quindi al momento non è stata identificata. È stato spiegato che potrebbe trattarsi di uno straniero dell’Europa orientale dai tratti somatici che ancora si possono distinguere. Ma di tratta di una prima ipotesi che al momento resta tale.(s.c.)