trasloco

Il museo di Storia Naturale verso villa Pertusati

di Alessandra Bernardeschi

Terminata la riqualificazione della struttura a Marittimo, via al trasferimento. Affidato l’intervento per adeguare i locali su via Monte alla Rena

ROSIGNANO. Dopo 25 anni il Museo di storia naturale del Comune di Rosignano cambierà sede: da via Monte alla Rena a Rosignano Solvay a villa Pertusati a Rosignano Marittimo. Intanto sono stati aggiudicati i lavori di riqualificazione dei locali su via Monte alla Rena che, fino ai primi anni ’90, facevano parte del plesso scolastico Europa e che poi divennero la sede del Museo. Locali che ritorneranno a far parte della scuola, inaugurata nel 1968 dal direttore Aldo Benincasa, convinto europeista. Attraverso una gara d’appalto il Comune di Rosignano aveva invitato partecipare 12 aziende. Ad aggiudicarsi i lavori, proponendo un costo di 39.771 euro più Iva, il consorzio Lrc di via della Repubblica a Rosignano Solvay, che adesso si occuperà dell’intervento . «I lavori a villa Pertusati sono terminati - ha detto l’assessore alla qualità urbana Piero Nocchi - per cui il Museo di storia naturale può iniziare il trasferimento. I lavori di riqualificazione ed adeguamento locali nella scuola Europa inizieranno quanto prima. Una volta terminati gli interventi lo spazio, fino ad oggi occupato dal Museo di storia naturale, verrà restituito al plesso Europa».

Una storia, quella di villa Pertusati, che inizia da lontano. Nel 2010 l’immobile, dopo anni di intensi lavori, venne inaugurato. Gli spazi dovevano ospitare l’associazione Semi Rurali, attività in collaborazione con le Università di Pisa e Firenze. Poi nel marzo 2015 Provincia e Comune hanno firmato uno schema di convenzione per la gestione della villa e del Casale dei Poggetti.

Gestione che è oggi del Comune di Rosignano Marittimo che si è però accollato le spese relative agli interventi di riqualificazione e manutenzione dei due edifici. All’indomani della firma l’amministrazione comunale espresse l’intenzione di trasferire il Museo di storia naturale, ospitato dai primi anni ’90 in un’area della scuola Europa, all’interno di villa Pertusati.

L’obiettivo è quello di creare un polo culturale moderno collegato al museo archeologico ospitato all’interno di palazzo Bombardieri. I lavori che dovevano iniziare già nel 2016 vengono affidati, alla ditta Diva di Burchianti Massimo con sede a Pomarance, nel luglio 2017. Intanto il Museo di storia naturale chiude e inizia a trasferire la collezione all’interno dei magazzini attigui al museo archeologico di Marittimo.

Adesso sembra che tutte le caselle del puzzle si possano ricomporre: «Dal momento che i lavori a villa Pertusati sono terminati - dice l’assessore alla qualità urbana - i volontari del museo possono iniziare a trasferire le collezioni all’interno delle sale».

©RIPRODUZIONE RISERVATA