targa cecina 

Il Ponte domina la gara È il migliore per il carro lo spettacolo e la sfilata

di Michele Falorni

Il rione Casine si aggiudica il titolo per i migliori costumi Palazzaccio è primo nei balli. Regoli: «Sono orgoglioso»

cecina

Con le premiazioni di domenica sera, 9 settembre, davanti ai capannoni di via Torres, si è conclusa l’edizione numero 57 della Targa Cecina.

I risultati, somma dei voti espressi dalle giurie durante le sfilate, hanno premiato il rione Ponte, capace di conquistare tre premi: migliore sfilata, carro e spettacolo. Costumi alle Casine e balletti al Palazzaccio: questo il verdetto finale.

I numeri definitivi non ci sono, ma l’impressione dei dirigenti e degli amministratori comunali è che il movimento cresca, sebbene non manchino le difficoltà. La manifestazione ha registrato alta presenza di pubblico, a conferma che i balletti e le sfilate piacciono.

«Un applauso a tutti i rionali – ha detto il presidente Alessandro Regoli appena preso il microfono – che hanno lavorato senza sosta. Sono orgoglioso di voi. Abbiamo vinto insieme, grazie al nostro gioco di squadra».

I sette carri allegorici sono belli e i temi scelti dai bozzettisti sono stati bene interpretati. A convincere i giurati, l’estro di Rodolfo Rudi Mazzone, autore di “Paurosamente divertenti!” per il Ponte trionfatore. Il cui presidente, Gianni Spinetti, ha ritirato i premi non senza emozioni. «Mi fa piacere – ha detto il sindaco Samuele Lippi – vedere tanti bambini coinvolti, segno che la manifestazione piace e coinvolge sempre di più».

Poi la voce di Radio Stop Roberto Giannoni ha aperto le buste e davanti al pubblico ha letto i giudizi.

La Madrina e l’Alfiere, Jessica D’Addese e Saverio Piangatelli, hanno consegnato i riconoscimenti a Monica Mutti, presidente del Palazzaccio, e a Barbara Giusti, presidente delle Casine.

Nel pomeriggio di due giorni fa, inoltre, il rione Palazzi ha vinto per la settima volta consecutiva la Targa e stabilito un primato. Dal 1989, anno in cui è entrato in vigore l’attuale regolamento, nessuno l’ha conquistata tanto a lungo

Per la città è stata una festa, terminata prima dell’ora di cena con la premiazione dei vincitori sul palco montato in piazza Guerrazzi da parte delle autorità e dei rappresentanti delle delegazioni di Sagunto, Gilching e Sin Le Noble. —