Un polo culturale nel parco per sfidare vandali e bulli

di Nilo Di Modica

Sabato l’inaugurazione del centro giovani con parkour, murales e musica Il sindaco di Fucecchio: «Sarà un luogo di lotta al disagio giovanile»

FUCECCHIO. Bulli di ieri di oggi, come fenomeno da studiare ma soprattutto da sradicare anche attraverso la socialità, il gioco, lo stare insieme. È questo il senso di una giornata decisiva sul fronte delle politiche giovanili del Comune di Fucecchio come quella di sabato, quando all’inaugurazione del nuovo spazio giovani nel cuore del centro storico, al Parco Corsini (troppo spesso nel mirino dei vandali), si affiancherà un importante convegno sul cyberbullismo. “Bulli di sapone” il titolo della giornata «perché se fai il bullo vivi in una bolla e... come tale sei destinato a scoppiare» dicono gli organizzatori, per una giornata resa possibile anche dal contributo della Fondazione Marianelli Mario. «Il nuovo centro giovanile sarà un luogo di lotta al disagio giovanile quindi, ma prima di tutto di socialità e recupero del centro storico – afferma il sindaco Alessio Spinelli. – Un punto di inizio per noi per crescere gli amministratori di domani. All’interno di un luogo, Parco Corsini, che sempre più diventa un polo culturale di eccezione fra biblioteca, eventi, teatro, cultura e manifestazioni».

Il centro, che ospiterà anche attività e manifestazioni di varie associazioni, è stato dato in appalto al consorzio empolese Co&So e sarà gestito dalle cooperative “La Giostra” e Sintesi.

Nello spazio del Parco Corsini nel pomeriggio di sabato si terrà anche la vera e propria inaugurazione. Dalle 15 alle 20 si avranno workshop di parkour, dj set, contest di disegno anime, live set di murales, cineforum e molto altro, oltre alla presentazione delle attività del centro giovani.

Queste ultime prenderanno il via ufficialmente da martedì 17 ottobre e il centro rimarrà aperto tutti i giorni dal martedì al sabato dalle 16 alle 19. «Un lavoro corale, frutto della sinergia di uffici ed enti coinvolti – dicono Marcella Gozzi dell’Informagiovani e Giovanni Bacchi di Sintesi. – Inizio di un percorso dove siano i ragazzi stessi a promuovere le iniziative e a gestire gli spazi».

Soddisfatto anche Claudio Freschi di Co&So, che ricorda: «Il centro giovani di Avane nacque esattamente con queste premesse, con un progetto che portammo avanti insieme alle istituzioni, oggi tutto il quartiere risente positivamente di quel luogo».

La giornata si aprirà però la mattina (dalle 9 alle 13) alla Tinaia con l’importante convegno “Bullismo e cyberbullismo: le nuove forme del disagio giovanile”. Un evento locale ma dalla portata nazionale, al quale parteciperanno tra i relatori anche l’onorevole Dario Parrini e la vicepresidente del senato Rosa Maria Di Giorgi.

Un fenomeno sempre più precoce e pervasivo quello del bullismo unito alle nuove tecnologie, ad internet e ai social, se si pensa che secondo i dati degli osservatori nazionali ne sono vittima almeno una volta circa un terzo dei giovani fra i 14 ed i 18 anni. «Un tema da affrontare insieme a tutti gli attori del mondo scuola – per la vicesindaco Emma Donnini. – Proprio per questo al convegno saranno coinvolti e chiamati a fare testimonianza anche alcuni studenti. Sarà inoltre presente la vicepresidente del Senato, che ha seguito da vicino la nascita della nuova legge sul cyberbullismo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA