Fidanzati bloccati a Bali dopo il terremoto in Indonesia

Lui di Empoli, lei di Montelupo, la notte del sisma si trovavano vicino all'epicentro. Non riescono a trovare un volo per rientrare subito in Italia

EMPOLI. Non riescono ad anticipare il loro volo e rientrare subito in Italia da Bali, una coppia di fidanzati  che erano a Lombok la notte in cui il terremoto di magnitudo sette ha colpito l'Indonesia. Irene Lari, 25 anni di Montelupo Fiorentino  insieme al fidanzato Elia Rinaldi, (30 anni di Empoli), sono riusciti ad arrivare, non senza fatica, a Bali ma, spiega lo zio di lei Paolo Londi, "anche pagando non riescono a trovare un aereo per l'Italia. Il loro volo è infatti fissato per il 14 agosto. Ieri ci hanno provato per tutto il giorno".

In vacanza in Indonesia, la notte del terremoto i due fidanzati erano sull'isola di Gili Meno, molto vicina a Lombok, epicentro del sisma. Subito dopo la grande scossa, spiega lo zio, "terrorizzati sono usciti dal loro alloggio passando dalla finestra, poi la paura pi grande per loro  stato il pericolo di uno tsunami che per fortuna non c' stato. Grazie a dei pescatori hanno raggiunto la terra ferma e poi con un battello in otto ore sono riusciti a rientrare a Bali. Adesso per non riescono a venire via" dal paese asiatico. "Dopo la grande paura - dice la mamma di Irene Silva Londi - ora sono più tranquilli, e non riuscendo a rientrare prima vuol dire che proseguiranno la loro vacanza come avevano previsto prima del terremoto".