ASSOCIAZIONI 

Nazionale Trapiantati in campo per aiutare la donazioni di organi

di M.S.

FUCECCHIOUna partita di calcio per promuovere la cultura della donazione, una partita di calcio per dire a tutti che dopo un trapianto si può tornare ad una vita normale (sopra la foto della...

FUCECCHIO

Una partita di calcio per promuovere la cultura della donazione, una partita di calcio per dire a tutti che dopo un trapianto si può tornare ad una vita normale (sopra la foto della presentazione). Allo stadio Corsini sabato alle 17,30 (ma l’evento inizierà già alle 15,30 con un ricco programma) si sfideranno la Nazionale di calcio Trapiantati e la squadra del Movimento Shalom. Si tratta di un’iniziativa con l’associazione Vite onlus che vuol così celebrare i 30 anni dal trapianto del suo presidente onorario, il fucecchiese Lillo Di Puma. Il quale nel 1988 affrontò un vero e proprio viaggio della speranza a Bruxelles, dove un trapianto di fegato lo salvò da morte certa (gli furono dati appena 10 giorni di vita, causa epatite B e C).

All’iniziativa contribuisce il movimento Shalom, ma parteciperanno anche altre associazioni come l’Aido di Firenze e la Fratres di Fucecchio. L’evento è patrocinato dal Comune di Fucecchio e sostenuto dalla scuola privata Leonardo Da Vinci (con sedi a Empoli e Pontedera). Allo stadio Corsini arriveranno i calciatori della Nazionale Trapiantati, tra i quali anche l’ex calciatore professionista Giorgio Enzo (ha vestito, tra le altre, le maglie del Torino, del Lecce e dell’Ascoli tra gli anni ’80 e ’90) per una sfida che ha il sapore della festa e dell’impegno. «Con questo evento sportivo – dice Lillo Di Puma – vogliamo lanciare un messaggio, un messaggio di speranza del quale io sono un testimone. E cioè che dopo il trapianto si può tornare ad una vita normale, in alcuni casi anche ad una vita migliore. L’impegno dell’associazione di cui sono presidente e della Nazionale Trapiantati è proprio questo, oltre a quello di promuovere tra la gente la cultura della donazione. Sono sicuro che Fucecchio risponderà in maniera molto positiva a questa iniziativa per la quale ringrazio il Movimento Shalom che ha sposato la nostra causa». «E’ fondamentale – aggiunge il sindaco Alessio Spinelli – promuovere un valore importante come quello della donazione, che non ha prezzo. E l’etica dello sport ci può aiutare a farlo». Ecco Il programma dell’evento: alle 15,30 saluti e presentazione degli ospiti della manifestazione; alle 16 ingresso in campo degli sbandieratori e dei bambini delle scuole di calcio; alle 16,30 inizio torneo delle scuole di calcio; alle 17,30 incontro tra la Nazionale Italiana Calcio Trapiantati e la squadra del Movimento Shalom; alle 18 merenda per i bambini; alle 18,30 calci di rigore dei bambini delle scuole di calcio; alle 19 premiazione. —

M.S.