SOS SICUREZZA

Raffica di furti, ottantenni derubati due volte

di Elisabetta Giorgi

Barbaruta nel mirino: vittime una vedova di 88 anni e coppie di pensionati. Cresce l’allarme: "La situazione è fuori controllo"

GROSSETO. Una vedova di 88 anni, una coppia di coniugi 70enni, altri due ottantenni si sono ritrovati in questi giorni (e più volte) la casa svaligiata. Hanno visto andare in fumo soldi e gioielli, collier, ricordi di una vita, contanti.

Torna la paura a Barbaruta per una nuova ondata di criminalità ai danni di pensionati, sia persone sole che coppie di coniugi. Negli ultimi dieci giorni, cinque i furti nelle case: i ladri hanno messo a segno un primo raid circa dieci giorni fa in tre casali; poi sono tornati pochi giorni fa in due di questi. La zona presa di mira è strada Barbaruta 1 dove sorgono in tutto 8 poderi: poco più di un chilometro a fondo chiuso tartassato dai malviventi. Le denunce sono state sporte in Questura.

Negli anni la zona – piuttosto isolata – ha visto furti “a ondate”. Raid ciclici che hanno alternato raffiche di episodi a colpi in calo. Stavolta l’emergenza è tornata. Lo raccontano gli abitanti preoccupati. «Una situazione fuori controllo», dice allarmato Gianluca Fiacchi, infermiere grossetano che abita nella frazione rurale alle porte del capoluogo. La zona è isolata. Lui non è stato derubato ma attorno a sé – dice – «quasi tutti i miei vicini lo sono stati. Le vittime sono tutte anziane, che non dormono più tranquille la notte e che negli ultimi dieci giorni si sono ritrovate la casa svaligiata anche per due volte. Vivono questo sopruso della loro libertà con forte preoccupazione e paura, nell’angoscia che tutto ciò si ripeta di nuovo, la notte successiva o quelle dopo. Temono che malviventi senza scrupoli tornino ancora nelle proprie case. Ormai non dormiamo più».

Dieci giorni fa il primo raid: sono colpiti tre poderi. Una signora anziana – 88 anni vedova – è stata derubata del collier d’oro e di altri ori e preziosi. Lo racconta suo figlio che ha un’attività in zona. «Una mattina mia mamma mi chiama e mi dice: “ma sei venuto tu presto a casa, stamani?” Il cassetto del comodino che sta dalla parte di mio padre, purtroppo morto da anni, era stato portato via e spostato nella camera di là. Mamma aveva un a bella collana d’oro; ho guardato ma non c’era più. Valeva 2-3mila euro. Il giorno dopo abbiamo trovato la scatola portagioie nel campo». Altro colpo tre giorni fa. «Mia mamma mi ha chiamato di nuovo, aveva trovato la roba spostata. Aveva trovato un oggetto sul letto, il vecchio portafoglio di mio padre; e il cassetto di camera - stavolta dalla sua parte - era stato portato in sala, girato sul divano letto e tutto sottosopra. I ladri erano tornati di nuovo». La denuncia è stata sporta alla polizia.

Tra le vittime, c’è anche un’altra coppia di grossetani. Marito e moglie, 71 e 72 anni. Anche loro hanno subìto l’assalto per due volte. «La prima volta 15 giorni fa sono stati rubati soldi e cellulare, circa 200 euro - racconta lui, pensionato, ex infermiere pure lui - I contanti erano nel mio portafogli, i malviventi sono entrati di sera. Mia moglie era a farsi la doccia, io a letto. La seconda volta sono tornati l’altra notte e hanno tentato di entrare dalla finestra ma non sono riusciti». —