la proposta 

«Tassa di soggiorno per recuperare i beni culturali»

La proposta dell’associazione è quella di destinare alle Mura «una parte dei proventi dell’imposta di soggiorno, anch’essa utilizzata ogni anno per finanziare diversi eventi turistici ma che consente...

La proposta dell’associazione è quella di destinare alle Mura «una parte dei proventi dell’imposta di soggiorno, anch’essa utilizzata ogni anno per finanziare diversi eventi turistici ma che consente di essere impiegata anche per manutenzione, fruizione e recupero di spazi e beni culturali quali le Mura. L’illuminazione delle Mura è proprio grazie a questi proventi che, a seguito di ripetuti cambi di idea dell’amministrazione comunale, con un ritardo di almeno due anni rispetto a quanto si avrebbe potuto fare, vedrà forse la luce nel 2019. Un ritardo per noi ingiustificabile, tanto più perché è stata disattesa la parola data ai cittadini insieme ad un atto amministrativo (delibera di giunta del 18 gennaio 2017)».