Una comunione di intenti tra Confartigianato e Cna

GROSSETO. Il Passaporto dell’artigianato ha dato vita a una comunione d’intenti tra le associazioni di categoria Confartigianato Imprese Grosseto e Cna Grosseto: entrambe collaborano all’iniziativa...

GROSSETO. Il Passaporto dell’artigianato ha dato vita a una comunione d’intenti tra le associazioni di categoria Confartigianato Imprese Grosseto e Cna Grosseto: entrambe collaborano all’iniziativa curata da Artex, il Centro per l’artigianato artistico e tradizionale della Toscana. «La nostra città può offrire tante botteghe artigiane – dice Mauro Ciani, segretario generale di Confartigianato Imprese Grosseto – che, nonostante la crisi, sopravvivono grazie al talento di chi le gestisce e alla qualità delle opere che producono. Iniziative come il Passaporto dell’artigianato saranno sempre ben accolte e sostenute dalla nostra associazione, proprio perché sono utili a dare alle botteghe artigiane quella visibilità che talvolta viene a mancare. Invitiamo tutti i grossetani (e non solo) ad aderire, ritirare e timbrare i loro passaporti: avranno l’occasione di scoprire tanti piccoli imprenditori che meritano la loro fiducia».

Perché l’artigianato è arte. «La proposta di Fondazione Grosseto Cultura, curata da Artex – dice il direttore generale di Cna Grosseto, Annarita Bramerini – è senza dubbio valida e ha trovato fin da subito la nostra convinta adesione. L’obiettivo è chiaro, ed è quello per il quale da sempre lavoriamo ogni giorno: valorizzare i prodotti e le botteghe artigiane di qualità. Questo non solo per tutelare i piccoli imprenditori che portano avanti un’attività nonostante le difficoltà quotidiane e salvaguardare le prospettive occupazionali del settore a favore delle nuove generazioni, ma anche per rafforzare le potenzialità turistiche del nostro territorio tramite le eccellenze».