Ecco l’ingegnera al posto di Maurri

di Enrico Paradisi

È Maria Teresa Carosella e arriva dal Comune di Pistoia Sarà lei la nuova dirigente del settore opere pubbliche

LIVORNO. Sarà l’ingegnera Maria Teresa Carosella la nuova dirigente del dipartimento infrastrutture stradali e spazi aperti del Comune di Livorno.

Già da oggi dovrebbe essere in città e prendere servizio a Palazzo Civico in sostituzione del posto lasciato vacante dall’architetto Riccardo Maurri. Un curioso doppio incrocio tra i due, visto che Maurri è arrivato primo alla selezione di mobilità che lo ha portato al suo nuovo incarico alla Città metropolitana di Firenze, mentre la nuova dirigente, alla stessa selezione, si era piazzata seconda. Carosella, 53 anni, con una grande esperienza alle spalle in Provincia di Firenze, arriva però dal Comune di Pistoia, dove lavorava dal 2013. Qui, sotto l’amministrazione del sindaco Alessandro Tomasi le era stata affidata la direzione del servizio “progetti speciali, grandi opere e mobilità”, uno degli snodi chiave per la città capitale della cultura del 2017.

La sostituzione di Maurri si era resa necessaria dopo che l’architetto di Pontassieve nei mesi scorsi aveva manifestato l’esigenza di avvicinarsi a casa. Da febbraio di quest’anno, dopo aver vinto la selezione, si era diviso un po’ tra i due incarichi per passare poi definitivamente a Firenze dal 16 aprile scorso. Dopo la richiesta avanzata da Maurri, il Comune di Livorno aveva subito attivato la procedura per ricoprire l’incarico dirigenziale che rimaneva scoperto. Procedura alla quale hanno partecipato diversi candidati tra architetti e ingegneri. Carosella è stata quindi selezionata e scelta da un’apposita commissione. Intanto da alcuni giorni anche a Palazzo di Giano, a Pistoia, si era sparsa la voce della partenza della dirigente per Livorno. Voce che poi è stata ufficializzata durante l’ultimo consiglio comunale.«Prenderà più o meno l’incarico che aveva Maurri - ha confermato ieri il capo di gabinetto del Comune di Livorno, Antonio Bertelli - e si occuperà della parte relativa alle opere pubbliche, i lavori stradali e urbanizzazione, manutenzioni, verde, grandi opere e illuminazione pubblica».

Sempre in tema di import-export di dirigenti, nel frattempo anche Massimiliano Lami, che già aveva lasciato l’incarico di capo di gabinetto per quello di direttore generale di Casalp (dove è rimasto per circa 5 mesi) tre giorni fa, il 13 maggio, è approdato a Roma con il ruolo di supporto all’assessorato al Bilancio, dove ritroverà ovviamente l’assessore Gianni Lemmetti.