Presa per i capelli e buttata a terra rapinata 29enne

di Gianni Tacchi

L’episodio all’alba in via della Posta, c’è un identikit La giovane stava andando al lavoro: «Momenti terribili»

LIVORNO. La sveglia alle 4.30, la colazione in fretta, il viaggio in auto per andare al lavoro fuori Livorno. Così ogni mattina, con tanti sacrifici sotto ogni punto di vista. Ma l’alba di ieri, per una giovane livornese di 29 anni, si è trasformata in un vero e proprio incubo. «Ero terrorizzata, sono stati momenti terribili», ha raccontato poi ai poliziotti intervenuti e ai suoi familiari. La ventinovenne, appena uscita di casa in via della Posta, è stata aggredita e rapinata da un giovane - praticamente all’incrocio con via dell’Angiolo - mentre stava andando verso la sua macchina, parcheggiata sul viale degli Avvalorati: prima l’ha presa per i capelli, poi l’ha spinta e buttata violentemente a terra, quindi le ha strappato lo smartphone dalle mani e infine ha preso anche la sua borsa. E a quel punto è scappato in direzione via Grande, facendo perdere le sue tracce.

È stato un residente della zona, svegliato dalle urla della giovane, ad affacciarsi alla finestra e a lanciare l’allarme poco dopo le 5, chiamando immediatamente il 113 e chiedendo aiuto. In via della Posta sono arrivate subito due volanti della polizia, con gli agenti che hanno trovato la 29enne sotto choc.

È riuscita comunque a fornire un identikit del malvivente, che al momento della rapina indossava un casco: intorno ai vent’anni, con accento livornese e alto circa un metro e 70. Ed è proprio da questa descrizione che sono partite le indagini della polizia, attualmente in corso per cercare di risalire al rapinatore che ha colpito in via della Posta. Il bottino? Il cellulare e la borsa, dove c’erano un portafogli con pochi spiccioli, una carta bancomat e alcuni oggetti personali.

«Quando sono uscita di casa per andare al lavoro - ha aggiunto la 29enne, che per fortuna nell’aggressione non ha subìto lesioni rilevanti - ho visto un ragazzo col casco e una ragazza fuori da un pub, ma inizialmente non pensavo che avessero intenzioni del genere. Poi però mi sono sentita osservata e a quel punto ho cominciato ad aver paura, anche perché si sono già verificati episodi violenti. E infatti, appena arrivata all’incrocio con via dell’Angiolo, mi sono girata e mi sono ritrovata faccia a faccia con quel ragazzo col casco: mi ha preso per i capelli e colpito addosso, facendomi cadere per terra». E scappando con lo smartphone e la borsa, prima dell’arrivo dei poliziotti che hanno raccolto la testimonianza della 29enne per dare il via alle indagini.

©RIPRODUZIONE RISERVATA