In bicicletta da Calafuria a Tirrenia, ecco i soldi per la ciclabile

Livorno, Regione e Comune annunciano 2.6 milioni, collegamento anche stazione-mare Palazzo civico garantisce le gare nel 2019, intanto lavori tra 3 Ponti e Miramare

LIVORNO. Quasi 20 chilometri di pista ciclabile senza interruzioni dal Calambrone a Calafuria, con una ramificazione che collegherà la stazione al lungomare. È questo il risultato finale dei sei interventi che saranno finanziati con 2.6 milioni, equamente ripartiti tra Regione Toscana e Comune.

Si tratta di un percorso lungo il quale, come attestato dalle statistiche, l'incidentalità è particolarmente alta, tanto che negli ultimi anni si sono registrati 83 incidenti che hanno coinvolto ciclisti. Quindi il progetto punterà principlamente sulla sicurezza. Grazie a queste risorse, a breve potranno essere realizzati circa 8 Km di pista ciclopedonale che, oltre a garantire condizioni di sicurezza ai cosiddetti utenti più deboli, consentiranno il completamento del tratto cittadino dell'itinerario (quasi 20 km in tutto), integrandolo con quello pisano.

«Entro fine anno si firmerà la convenzione a Roma e poi i fondi, tramite la Regione arriveranno al Comune e faremo partire le gare», spiegano da palazzo civico. Nel frattempo si comincerà un tratto tra i Tre Ponti e Miramare i cui lavori sono già stati affidati e che è stato finanziato attraverso un diverso bando già concluso da tempo. La nuova pista passerà da piazza del Pamiglione, antistante i 4 Mori, dalla Terrazza Mascagni, ma anche da piazza della Repubblica, dal Cisternino di città, e costeggerà le mura lorenesi fino a piazza San Marco.

Livorno – Tirrenia. L'intervento prevede la realizzazione di un primo tratto di pista ciclabile, a partire dal ponte sullo Scolmatore, transitando sulla statale 224, percorrendo via Leonardo Da Vinci, attraverso il passaggio a livello di via delle Cateratte.

VIA DELLE CATERATTE-LA GUGLIA. Si prevede un percorso, in parte promiscuo con pedoni, che da via delle Cateratte permette di raggiungere piazza Ferrucci attraverso aree dismesse di proprietà delle ferrovie, piazza S. Marco, via Magnozzi - costeggiando le Mura Lorenesi - fino a piazza Ferrucci.

VIALE IPPOLITO NIEVO. Tra La Guglia e via Zola si viaggerà sul marciapiede fino al viale Carducci dove è già esistente una pista ciclabile.

VIA DE LARDEREL. Si prevede un percorso ciclabile di collegamento bidirezionale fra il Cisternone e via del Voltone.

TERRAZZA-SAN JACOPO. Il progetto prevede di completare il collegamento del percorso ciclabile sul Viale Italia su sede stradale separata da cordoli.

ANTIGNANO. Si prevede un percorso bidirezionale sul marciapiede protetto da guard rail lato mare, da Antignano ai Rex.