Barriere architettoniche mappato palazzo Orsetti

Gli studenti del liceo Passaglia visitano stanza per stanza la sede del Comune L’obiettivo è catalogare gli edifici pubblici per migliorarne l’accessibilità

LUCCA. Via le barriere architettonici dagli spazi pubblici. Un proposito da trasformare in realtà, a cominciare da quella che simbolicamente è la casa di tutti i lucchesi. Mercoledì è stata realizzata la mappatura completa, stanza per stanza, delle barriere architettoniche di palazzo Orsetti, sede del sindaco e della giunta comunale di Lucca. L'operazione è stata condotta dagli studenti di due classi del liceo artistico “Passaglia” con indirizzo architettura e multimediale che hanno aderito al progetto di alternanza scuola lavoro “Verso una progettazione universale” coordinato dagli architetti Elena Piantanida e Monica Marchetti e sostenuto dal Comune.

L'obiettivo è catalogare percorsi ed edifici, individuando gli ostacoli e le inaccessibilità presenti, in uno strumento conoscitivo nuovo ed efficace a supporto sia del futuro piano operativo, sia delle manutenzioni ordinarie e straordinarie da programmare. Gli studenti sono stati accompagnati dall'assessore all'urbanistica Serena Mammini.

«Lo scrupolo e la dedizione che i ragazzi stanno mettendo in questo progetto – ha commentato l'assessore – sono la conferma che abbiamo fatto la scelta giusta. Stiamo lavorando convintamente al quadro conoscitivo di quello che sarà il Peba (piano per l'eliminazione della barriere architettoniche), ben sapendo che per agire dobbiamo prima approfondire e ordinare le conoscenze: a questo si stanno dedicando gli studenti, con metodo ed entusiasmo. Vorremmo iniziare a guardare con occhi più consapevoli e soprattutto a migliorare per davvero le accessibilità, le connessioni tra i luoghi, andando concretamente a realizzare i contenuti dei Piani».

Gli studenti sono stati accompagnati dagli insegnanti Patrizia Beconcini e Romano Guelfi, referenti del Passaglia per il progetto. Le altre scuole che hanno aderito sono l'Istituto per geometri “Nottolini”, l'Isi Fermi e il Liceo scientifico “Vallisneri”.

A conclusione del lavoro di rilievo su Palazzo Orsetti, le due classi sono state accolte dal sindaco Alessandro Tambellini. È stata l'occasione per fare il punto sugli edifici pubblici già mappati dagli studenti: la sede di Itinera a Porta San Donato Vecchia, Villa Bottini, la Biblioteca comunale Agorà, più alcuni tratti urbani – vie e piazze – del centro storico. Il prossimo edificio che gli studenti metteranno sotto la lente di ingrandimento dell'accessibilità sarà palazzo Ducale, sede della provincia, del comando provinciale dei carabinieri e della prefettura.