Domenici entra nello staff del Centro di Sanità Solidale

di Rossella Lucchesi

Fresco di pensione, a settembre inaugurerà un ambulatorio pediatrico, la struttura di via dei Macelli ne ospiterà anche uno per la genetica medica

lucca

Più di tre anni di vita è diventato uno dei centri sanitari più apprezzati della provincia di Lucca, punto di riferimento di un’utenza che nel solo primo semestre 2018 risulta pari a quella dell’intero anno precedente.

Un bilancio più che soddisfacente per l’attività del Centro di Sanità Solidale onlus “Amici del Cuore” che ha sede a Lucca, al civico 101 di via Pubblici Macelli, ormai conosciuto come un modello nuovo e integrato di sanità per la qualità dei servizi e la professionalità del personale medico. In gran parte primari in pensione provenienti dai migliori ospedali della Toscana e medici ospedalieri specializzati che hanno deciso di mettere la loro esperienza al servizio dei cittadini, i quali potranno usufruirne a tariffe ridotte e soprattutto senza liste di attesa. Il Centro di Sanità Solidale è nato da una costola dell’associazione “Amici del Cuore” promossa dal dottor Leonardo Odoguardi e attiva da ben 33 anni.

«La nostra - dice il presidente Raffaele Faillace - è un’impresa sociale strutturata per soddisfare al meglio le necessità e le richieste dei cittadini, i quali possono rivolgersi a noi per esami, prestazioni e visite specialistiche che attualmente investono 25 settori medici. L’attività del centro si articola nel campo della prevenzione, della diagnosi e della cura del paziente che viene preso in carico e accompagnato lungo tutto il percorso assistenziale che porta alla guarigione».

Un servizio a tutto tondo per una struttura che ambisce a diventare una vera eccellenza. «I requisiti ci sono tutti» aggiunge Faillace, ricordando che recentemente è partita l’attività di ginecologia e oculistica, quest’ultima dotata delle migliori attrezzature di alta tecnologia che resterà aperta anche nel mese di agosto per visite e urgenze. Al centro prelievi adesso si può anche fare l’analisi del genoma umano, mentre passi da gigante si stanno facendo con l’agopuntura, legata soprattutto alla cardiologia, fitoterapia e omeopatia autorizzata. La ciliegina sulla torta sarà l’arrivo, a settembre del dottor Raffaele Domenici, primario di pediatria all’ospedale San Luca che, fresco di pensione, inaugurerà al Centro un ambulatorio pediatrico. Successivamente la struttura di via dei Macelli ospiterà il primo ambulatorio lucchese di genetica medica che permetterà di constatare la familiarità e la predisposizione dei pazienti verso le malattie.

Il Centro di Sanità Solidale è inoltre vicino a un accordo con alcune realtà che si occupano delle malattie rare che dovrebbe andare in porto in autunno, con l’obiettivo della realizzazione di un grande presidio a Lucca, capace di avviare percorsi di riconoscimento e cura di tante patologie che colpiscono soprattutto i bambini. Ci sarà perciò bisogno di ampliare gli spazi. Quelli destinati alla riabilitazione sono già in fase di progettazione. —