lavori e sicurezza 

Scuole, ecco dove apriranno i cantieri Indietro quelle del Comune di Lucca

La “classifica” dei mutui europei: al primo posto c’è Piazza al Serchio, poi tanti istituti provinciali e della Piana

LUCCA

I soldi ci sono, ma non per tutti. E, quindi, diverse scuole rischiano di rimanere fuori dai finanziamenti del bando della Banca europea degli investimenti per i lavori di messa in sicurezza. La graduatoria stilata dalla Regione Toscana comprende decine di scuole della Lucchesia. Ma solo pochesono in posizioni utili per ottenere i soldi. Per le altre dovranno essere cercate altre forme di finanziamento. Comprese, ad esempio, buona parte di quelle del Comune di Lucca e una fetta anche di quelle della Provincia.

Le domande ritenute ammissibili e quindi inserite in graduatoria dalla Regione sono 524. Ora sarà il ministero a ripartire i circa tre miliardi fra le varie regioni e su base triennale, dal 2018 al 2020. Secondo proiezioni (e indiscrezioni) alla Toscana nel corso del 2018 dovrebbero arrivare circa 100 milioni. Considerando anche che il 40% è riservato a istituti provinciali, questo consentirebbe di realizzare i primi 14 progetti della lista. Sicuramente il rifacimento della scuola primaria e del’infanzia di Piazza al Serchio, che ha strappato il primo posto assoluto. Poi i lavori agli istituti provinciali: all’alberghiero “F.lli Pieroni” di Barga per l'adeguamento sismico del blocco cucine e dell'aula magna nonché la sostituzione edilizia del blocco C; all’Itc Carrara per il completamento della riqualificazioni; al Giorgi, per la costruzione della nuova sede nel complesso del Fermi; e, ovvimente, al Civitali-Paladini per la ristrutturazione di via San Nicolao. Altri progetti “sicuri” dovrebbero essere quello di Altopascio per la palestro alla media Ungaretti e quelli del Comune di Capannori per la scuola media “Piaggia”.

Per il resto, bisognerà sliottare agli anni successivi, il 2019 e il 2020. Tenendo conto, in primis, che i progetti potranno essere aggiornati, modificando così la graduatoria. E, in secondo luogo, che comunque servirà una conferma da parte del ministero degli stanziamenti. Ammettendo che possano essere confermati i 100.000 euro, fra gli altri progetti realizzabili ci sarebbero quello per rifare il liceo scientifico Vallisneri di Lucca, quello per l’istituto comprensivo di Camigliano e quello per la palestra “in comune” nell’ex cavallerizza ducale a Lucca, ma anche quello per la media di via Francesco d’Assisi ad Altopascio.

Solo nel terzo e ultimo anno di validità della graduatoria, infine, si trovano i primi progetti presentati dal Comune di Lucca: al 63esimo posto c’è infatti quello per l’adeguamento sismico della scuola media “Buonarroti” di Ponte a Moriano e poco dopo, al 68°, quello per gli stessi lavori alla primaria “Fornaciari”. Ancora più indietro, all’82esimo posto, i lavori antisismici alla materna di Pontetetto. Queste opere dovrebbero avere una ragionevole certezza di essere finanziate: pe rle altre, a partire dalla palestra della primaria di San Lorenzo a Vaccoli (112° posto) la strada sembra invece essere in salita. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI