IL DIBATTITO KME E PIROGASSIFICATORE 

La proposta della Lega: «Noi coordinatori del tavolo politico»

di N.B.

BARGANessun imbarazzo, né casi politici. La sezione Mediavalle Garfagnana della Lega fa chiarezza sulla vicenda degli incontri recenti in Kme avvenuti separatamente tra due esponenti locali del...

BARGA

Nessun imbarazzo, né casi politici. La sezione Mediavalle Garfagnana della Lega fa chiarezza sulla vicenda degli incontri recenti in Kme avvenuti separatamente tra due esponenti locali del Carroccio e i dirigenti di Kme per discutere della vicenda pirogassificatore. Anzi, come sostiene il segretario di zona Simone Simonini, ci sono anche altre forze locali che seguono passo passo la vertenza senza schierarsi prima di avere in mano tutte le carte nel dettaglio. «Non posso smentire la notizia dell'incontro, che è avvenuto come da programma per conoscere ulteriori dettagli, novità, e avanzamenti del progetto pirogassificatore- dice Simonini -. La nostra posizione è lineare: prima si conosce, poi si valuta, anche se non sarà la Lega ad autorizzare o meno il progetto». Simonini e gli altri iscritti, attaccati sui social per non aver detto «no a prescindere» all'impianto, fa chiarezza e rilancia: «Smentisco sull’imbarazzo dell’incontro. Ai male informati dico che se c'è stato un ingresso anticipato o posticipato è dovuto a un refuso, visto che l’incontro aveva come obiettivo di accompagnare altre forze politiche per conoscere nel dettaglio ciò che Kme intende fare per il rilancio dello storico stabilimento. Più volte ci siamo proposti anche come catalizzatori di tutte le componenti, per aprire un tavolo serio e ristretto con tutti i rappresentanti per discutere seriamente della situazione. Alcuni hanno accettato il nostro invito, altri l’ hanno declinato. L’azienda è sempre stata disponibile a ogni confronto, e mi pare strano che in molti parlino per sentito dire». —

N.B.