Lucca Comics, controlli in tutta la città per contrastare gli abusivi

di Tommaso Silvi

Il comandante della polizia municipale Maurizio Prina annuncia il pugno di ferro, Confcommercio: «Vigilare su merce contraffatta e somministrazione di alimenti»

LUCCA. Controlli a tappeto sui negozi temporanei in occasione del Lucca Comics. Li chiedono i commercianti, li preannuncia il comandante della polizia municipale, Maurizio Prina. Il Comune ha dettato un termine massimo per presentare domanda: chi vuole lavorare durante la fiera, dal 31 ottobre al 4 novembre, dovrà collegarsi a internet e inviare tutta la documentazione entro il prossimo 28 settembre.

E mentre i negozianti mettono a disposizione i fondi commerciali anche a mille euro al giorno, Prina avverte i commercianti tempornei: «Vigiliremo come abbiamo sempre fatto, verificando le richieste inoltrate al Comune e eseguendo controlli sul posto durante la manifestazione».

Parole che accoglie con soddisfazione Giovanni Martini, presidente della commissione Centro storico di Confcommercio:

«Ben vengano i controlli delle forze dell’ordine. I principali pericoli da tenere a bada sono due: la somministrazioni abusiva di bevande e alimenti e la vendita di oggettistica contraffatta». Nella scorsa edizione dei Comics le operazioni di monitoraggio del tessuto commerciale in occasione del festival fecero sì che venissero individuati e sanzionati cinque venditori abusivi (per loro multe da 5mila euro più il sequestro della merce) mentre altri 15 scapparono lasciando la mercanzia sul posto.

Furono beccati anche due venditori in zona interdetta: multa da 500 euro. Per quanto riguarda i controlli sul rispetto delle ordinanze, i vigili multarono quattro negozi che vendevano armi bianche, non rispettando l’ordinanza 1815 del 31 ottobre: multa da 50 euro.

Vennero individuati e sanzionati anche 10 venditori ambulanti che avevano sconfinato rispetto alla piazzola loro assegnata. —