Dalle multe arriva un “tesoretto” da 1,2 milioni di euro

La metà degli introiti proviene dalla Montecatini Parcheggi. Zero contravvenzioni per eccesso di velocità. Presto 4 nuovi vigili 

MONTECATINI. Le contravvenzioni elevate dalla polizia municipale ai trasgressori del codice della strada hanno passato 1,2 milioni di euro nel corso del 2017. La parte del leone l’hanno fatta i divieti di sosta (soprattutto quelli rilevati sulle strisce blu), mentre in un intero anno curiosamente i vigili non hanno fatto neanche una multa per eccesso di velocità. E a giorni arriverà al comando di via del Salsero il primo dei quattro “rinforzi” a disposizione del comandante Domenico Gatto (mentre si pensa anche all’acquisto di un paio di nuovi veicoli).

La giunta ha deliberato la “rendicontazione anno 2017 delle quote derivanti dai proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni al codice della strada”. Nel testo del documento si legge che lo scorso anno per “sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni all’art. 142 del nuovo codice della strada (limiti di velocità, ndr) risultano accertati proventi per complessivi euro 0”.

Contestualmente risultano accertati proventi per complessivi 1. 239.194, 97 euro “al netto della somma accantonata sul fondo crediti di dubbia esigibilità”.

Da cosa derivi questo “tesoretto” è specificato dal comandante della polizia urbana. «Intanto – spiega Gatto – precisiamo che stiamo parlando della somma totale derivante dalle sanzioni accertate e riscosse. Poi evidenziamo che circa la metà delle multe proviene dai controlli fatti dalla Montecatini Parcheggi negli stalli blu, mentre l’altra metà risulta essere composta da violazioni di norme comportamentali, controlli successivi agli incidenti stradali (che in una normale condotta non dovrebbero accedere), assenza di assicurazione o di revisione del mezzo, divieti di sosta (per esempio negli stalli riservati ai residenti). Su quest’ultimo punto abbiamo da qualche tempo concentrato l’attenzione sui controlli nei posti riservati ai disabili e nei marciapiedi (anche in quest’ultimo caso per evitare che un’auto possa ostacolare il passaggio di una carrozzina)».

Restano fuori, come si può vedere, le multe per eccesso di velocità. «È vero – dice Gatto – e questo dipende soprattutto dal fatto che Montecatini non rientra tra le città elencate dalla prefettura nelle quali è possibile installare autovelox fissi».

Il comandante spiega poi come potrà essere speso quel milione e 200mila euro. «È stabilito – dice – dall’articolo 208 del codice, che contempla i proventi delle sanzioni pecuniarie. L’amministrazione comunale non può infatti spendere per intero tale cifra come vuole. La legge stabilisce nel 50 per cento la parte da destinare agli interventi sulle strade, alla segnaletica, alla attrezzatura della polizia municipale e comunque a tutte quelle finalità connesse alla sicurezza stradale. L’altra metà può essere messa a bilancio dall’ente».

Gatto rivela infine che c’è l’intenzione di acquistare uno o due nuovi veicoli da mettere in dotazione al comando e che già dal 1° maggio prenderà servizio un nuovo agente (assunto a tempo indeterminato grazie alla mobilità, e proveniente da Trieste), mentre altri tre entreranno in servizio durante l’estate.

David Meccoli