Pieve: vialone del Melani chiuso per 3 giorni da lunedì 21 maggio

di Luca Signorini

Ancora grossi disagi in vista a causa dei lavori di asfaltatura. Altri cantieri a Pazzera, a Pieve e sul ponte di via Marconi

PIEVE A NIEVOLE. Non c'è pace per la circolazione sul territorio. Dopo il caos totale di una paio di settimane fa per la chiusura lunga due giorni della Regionale 436 nel tratto nevralgico dello svincolo autostradale, tra Montecatini e Pieve a Nievole, altri cantieri di imminente installazione metteranno di nuovo alla prova la pazienza degli automobilisti. Ma c'è un asfalto messo piuttosto male che deve essere rifatto.

La Provincia di Pistoia ha pubblicato due ordinanze nella giornata di ieri. Quella da leggere con più attenzione riguarda via del Porrione e del Terzo, zona sud della Valdinievole. Il cosiddetto vialone del Melani sarà chiuso in orario diurno (dalle 8 alle 18) per tre giorni: lunedì 21 maggio, martedì 22  e mercoledì 23. Le transenne saranno posizionate nel tratto che va dall'incrocio con via Pino (di fronte al circolo di tennis Sporting Club) all'incrocio con via Marconi (a Pieve): appena un chilometro di strada chiusa alla viabilità ma già si prevedono forti ripercussioni al traffico, che per chi proviene dalla variante del Fossetto sarà deviato tutto in direzione Via Nova. «Il lavoro comunque dovrebbe durare due giorni invece che tre (com'è successo per quello in zona autostrada, ndr)», afferma il sindaco di Pieve, Gilda Diolaiuti.

La seconda opera di cui si conoscono già le date dovrebbe provocare meno patemi: il rifacimento del manto stradale nell'area della rotatoria in località Pazzera (tra la variante del Fossetto e la Francesca Sud), a Monsummano, con chiusura dalle 20 di oggi fino alle 8 di domani.

Ma non è finita qui. Con la fine del mese e l'inizio di giugno, spunteranno altri cantieri a Pieve a Nievole (dove intanto a giorni riaprirà il ponticino di via dello Zizzolo, di fianco a Eurospin). Ci sono da tappare le buche e i dissesti nell'ultimo tratto di via Roma, tra la pizzeria Antica Pieve e il semaforo verso via Empolese e Monsummano: la decisione è di istituire il senso unico alternato, che provocherà più ingorghi del solito ma non il blocco completo della viabilità. Una volta steso l'asfalto ex novo, su tutta la strada (dunque fino al confine con Montecatini) si provvederà a “disegnare” la segnaletica sparita con il bitume: in questo caso operai a lavoro dalle 20 a mezzanotte.

L'ultimo punto sulla lista riguarda il ponte di via Marconi sopra la Firenze-Mare (quello della Conbipel): altro senso unico alternato per nuovo asfalto, sostituzione dei guard rail, consolidamento strutturale e intervento all'acquedotto.