scuola 

Via Nova, il progetto della nuova elementare in pole per i fondi Bei

di LUCA SIGNORINI

La sindaca di Pieve a Nievole: « È quasi certo che la realizzazione sarà finanziata dalla Banca europea degli investimenti» 

PIEVE A NIEVOLE. Diciannovesima posizione su 514 progetti presentati a livello regionale. «Abbiamo quasi la certezza che l’intervento possa essere finanziato tramite i fondi Bei (Banca europea degli investimenti, ndr). A ottobre ne sapremo di più, quando verrà fatta la ripartizione precisa dei contributi», sottolinea il sindaco di Pieve a Nievole, Gilda Diolaiuti, che resta cauta ma fiduciosa. Se non subito, insomma, quei soldi comunque arriveranno nel giro di tre anni (tanto resta in vigore la graduatoria). E ne servono parecchi per tirare su la nuova scuola elementare di Via Nova, da costruire in affiancamento al plesso “Da Vinci”: un’ operazione da 3.200.000 euro.

Dieci aule ex novo, laboratori, spazi di didattica interattiva: viene definita “scuola 4.0”, all’americana, dove a spostarsi tra le classi, ognuna con le sue funzioni e attrezzature, saranno gli alunni e non gli insegnanti.

«In questo modo andiamo a “superare” la scuola elementare “De Amicis” – prosegue il sindaco – che non vuol dire vendita dell’immobile, ma valorizzazione degli spazi. Le idee sono tante: l’edificio potrebbe diventare sede delle tante associazioni attive sul territorio, una sorta di centro culturale, con un’ala da riservare ad un’eventuale ulteriore scuola materna, se ci fosse l’esigenza a seconda delle future nascite».

Va peggio invece all’ampliamento della scuola media “Galilei”, sede dell’istituto comprensivo del paese: il progetto presentato sempre alla caccia di fondi Bei, è finito quasi in 400ª posizione, e sarà dunque più complicato accedere ai finanziamenti per un lavoro che costa in tutto oltre 1.100.000 euro.

La media qualcosa l’ha ricevuto lo stesso dall’Europa: ben 494.000 euro, su un importo complessivo di 532.000, per l’adeguamento strutturale e il consolidamento alle norme antisismiche e di sicurezza per uno stabile costruito a fine anni ’70. La sicurezza del bonifico è di qualche settimana fa, per un progetto inviato nel 2015 e di cui adesso può essere avviata la gara d’appalto.

Sulla nuova scuola elementare in Via Nova, vista la favorevole posizione in lista, il municipio spera di accelerare i tempi. —