Si tuffa dal ponte della nave da crociera, viva per miracolo

di Luca Centini

Una turista americana di 43 anni è stata salvata nel cuore della notte dall'equipaggio dello Star Breeze nel mare tra il Giglio e l'isola d'Elba

PORTOFERRAIO.  Si è lanciata dal ponte superiore della nave da crociera nel mare tra il Giglio e l’isola d'Elba. È rimasta a galla per un’ora, fino a quando - viva per miracolo - è stata recuperata e caricata a bordo di una scialuppa di salvataggio. Praticamente illesa. La protagonista della vicenda è una turista americana di 43 anni che nella notte tra sabato e domenica ha seminato il panico a bordo della nave da crociera Star Breeze, partito dal porto di Civitavecchia alle 17 di sabato per Portoferraio, dove ha attraccato intorno alle 6 di domenica mattina. È la Capitaneria di porto di Portoferraio, allertata nel cuore della notte dall’equipaggio dello Star Breeze, a ricostruire quanto accaduto. La donna, in crociera con il compagno e un gruppo di amici, si è lanciata dal ponte alla poppa della nave, da un’altezza di circa 15 metri.

Lo Star Breeze a Portoferraio

Le cause del gesto, tanto repentino quanto inaspettato, non sono ancora chiare. Poco prima del tuffo avrebbe litigato con alcuni compagni di viaggio. È verosimile, fanno sapere dalla Capitaneria con una nota, che la 43enne avesse assunto alcol. Sono stati alcuni passeggeri a dare l’allarme all’equipaggio dello Star Breeze intorno a mezzanotte, quando hanno visto la donna cadere dal ponte. In quel momento la grande imbarcazione stava navigando verso nord, da poco si era lasciata ad est (a circa sette miglia) l’isola del Giglio. Non appena ricevuto l’allarme, il comandante dello Star Breeze Ivanov Krasimir ha fatto scattare le procedure per il recupero di uomo a mare e ha invertito la rotta, avvertendo l’autorità marittima di quanto stava accadendo.

Le manovre in questi casi sono particolarmente laboriose e lunghe, viste le dimensioni della nave. Eppure, dopo circa un’ora, la donna è stata avvistata sulla stessa rotta compiuta dalla nave: alcuni membri dell’equipaggio si sono calati in mare a bordo di una rescue boat e hanno recuperato la turista americana, in evidente stato confusionale e inconsapevole del gesto che aveva commesso. Eppure la 43enne è rimasta a galla per un’ora e non ha riportato ferite, tranne un indolenzimento al fianco sinistro, a causa dell’impatto con il mare.

In blu la rotta della nave che è dovuta tornare indietro per recuperare la turista (immagine da Marinetraffic)

Essere ancora viva dopo un tuffo di 15 metri da una nave da crociera in navigazione è a tutti gli effetti un miracolo. «È difficilissimo recuperare un uomo in mare durante la notte, diciamo che c’è una possibilità su dieci di farlo – commenta il comandante del porto di Portoferraio Emilio Casale, che con gli uomini della Capitaneria ha seguito la vicenda, seppur accaduta in acque gigliesi – sicuramente il comandante della nave da crociera si è dimostrato preparato, inoltre hanno giocato un ruolo importante le buone condizioni del mare durante la notte». L’americana è stata riportata a bordo dell'imbarcazione intorno all’una di notte, nel frattempo la Capitaneria di porto aveva allertato il 118, ma il trasferimento in ospedale non si è poi reso necessario.

Sei mesi di carcere e 500 euro per chi si lancia dal ferryboat

Lo Star Breeze è arrivato a Portoferraio intorno alle 6: per tutta la mattina il comandante della nave da crociera è stato ascoltato dal personale della Capitaneria . Per la turista, viva per miracolo, la crociera è finita all’Elba. Lei - e di conseguenza il suo compagno - non proseguiranno il viaggio a bordo dello Star Breeze per decisione del comandante della nave. La Capitaneria, titolare delle indagini, ha informato dell’accaduto anche la polizia di Stato per ulteriori accertamenti. La turista rischia una denuncia per procurato allarme.