PORTOFERRAIO 

Cento metri di tubazioni da sostituire per il guasto

di LUIGI CIGNONI

Molto impegnativo l’intervento di Asa in via dell’Amore nel centro storico Installata una nuova condotta che seguirà un tracciato diverso rispetto al passato

PORTOFERRAIO

È stato più impegnativo del previsto il guasto che si era verificato una settimana fa nel collettore fognario che trasporta i reflui domestici della città in direzione dell’impianto di depurazione del Grigolo. E restano pertanto valide le ordinanze che erano state emesse dal comandante della Polizia municipale, Stefano Canuto, riguardante il divieto di sosta nel tratto interessato dai lavori in via dell’Amore, nelle immediate vicinanze del mercato coperto e l’ordinanza di divieto di balneazione nella prospiciente spiaggetta del Grigolo. Le squadre di Asa sono ancora al lavoro per la riparazione del danno alla tubazione fognaria in pressione che trasporta i reflui fognari dell’abitato di Portoferraio verso l’impianto di depurazione del “Grigolo”. Il guasto è stato localizzato nel tratto compreso tra via dell’Amore e l’impianto del Grigolo, nell’area posta all’interno del varco di accesso al parco pubblico. Per tale motivo, in collaborazione con l’amministrazione. Le lavorazioni urgenti di ripristino del guasto sono rese particolarmente difficoltose dalla ridotta accessibilità alla zona interessata. Anche perché si sta intervenendo su due operazioni distinte. La prima riguarda la conclusione della riparazione del guasto localizzato nella zona. Essa è consistita prevalentemente nell’immediata riparazione della condotta in corrispondenza della rottura di un giunto di collegamento ubicato proprio sotto la pavimentazione del locale ristoro dei Bagni Napoleone/Lega Navale. L’intervento in pratica si è concluso in modo positivo il 31 agosto, con una riparazione provvisoria. Gli operai successivamente sono intervenuti nuovamente il 4 settembre con la riparazione definitiva. La seconda operazione è quella più impegnativa. Essa consiste nel completo rifacimento di una nuova condotta di circa cento metri di lunghezza, in un nuovo tracciato al di fuori delle pertinenze del locale ricettivo, in sostituzione della vecchia tubazione sulla quale si era verificata la rottura. «Questo intervento – assicura Asa - iniziato subito in parallelo a quello della riparazione eseguita, si concluderà, salvo imprevisti, entro la giornata odierna e consentirà così di mettere definitivamente fuori servizio la vecchia tubazione». Ed è stata proprio questa la causa che ha innestato i vari problemi e i guasti sulla tubazione. Nel frattempo sono in corso d’esecuzione il collaudo del nuovo depuratore di Schiopparello. Tutto così sta procedendo regolarmente. «La riparazione della condotta del Grigolo – dicono sempre ad Asa - ha comportato anche la necessità di anticipare il test di funzionamento delle stazioni di sollevamento del Bivio Boni e del Molo Gallo, per consentire l’interruzione del flusso verso l’impianto del Grigolo stesso. Anche queste stazioni hanno funzionato regolarmente e si procederà nei prossimi giorni a installare gli allarmi e gli automatismi telecontrollati e al loro collegamento con la nostra centrale operativa. Il tutto – conclude Asa - sarà completato con l’allestimento dell’ultima stazione di sollevamento in corso di costruzione presso via dell’Amore, entro la fine dell’autunno del corrente anno». —

LUIGI CIGNONI