«Il prossimo nastro da tagliare? Quello della nuova Arena»

di Andrea Chiavacci

L’auspicio di Militello, tifosissimo del Pisa, all’inaugurazione di Blog, la “rinata” biblioteca provinciale  che ha aperto i battenti alle Officine Garibaldi. Freggia: «Recuperato un patrimonio della città»

PISA. Grande presenza di pubblico alle Officine Garibaldi per l’inaugurazione di Blog. Una biblioteca moderna e all’avanguardia suddivisa in cinque ambienti tematici con circa 100 postazioni di lettura, ma soprattutto capace di recuperare il patrimonio enorme della biblioteca provinciale. Al taglio del nastro il sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha parlato di un progetto che coinvolge tutta la città: «Un impegno mantenuto da parte dell’amministrazione comunale, perché non era affatto scontato riaprire la biblioteca provinciale. Grazie a Bibliolandia per il lavoro svolto e alle Officine Garibaldi che hanno fatto un investimento notevole. Sono felice di essere il sindaco che ha inaugurato la nuova biblioteca comunale prima, allo spazio Sms, e adesso quella provinciale che danno l’idea di una città europea».

Presenti alla cerimonia anche il dirigente dell’area tecnica della Provincia Giovanni Viale, Roberto Cerri (responsabile e coordinatore della Rete Bibliolandia), Alice Zucchini (Responsabile Blog) e il presidente di Paim Giancarlo Freggia. «È la seconda inaugurazione all’interno delle Officine, culturalmente la più importante– ha detto Freggia – Abbiamo restaurato un patrimonio della città come la biblioteca provinciale, ricollocata in questa struttura per essere fruibile da tutti i cittadini. Qua dentro ci sono 25mila volumi. Può diventare un laboratorio nuovo per la città, dove le persone più grandi trasferiscono le loro conoscenze ai più giovani».

A seguire le Officine hanno ospitato alcuni eventi interessanti come la lezione di chimica di Marco Malvaldi, che ha presentato il suo nuovo libro “L’architetto dell’invisibile, ovvero come pensa un chimico”, e il presidente del Premio Bancarella Giancarlo Perazzini con il libro “Omicidio dell’anima”. Non poteva mancare Cristiano Militello, da anni volto popolare di Striscia la notizia e pisano Doc: «Dopo aver inaugurato le Officine Garibaldi e la biblioteca Blog, vorrei esser presente anche al taglio del nastro dell’Arena Garibaldi possibilmente non in tempi geologici. Spero che i Corrado possono riuscire a portare avanti il progetto e non si ritrovino a dover riannodare i fili dopo il voto». Poi sulle Officine e sulla nuova biblioteca Militello ha parlato di «Uno scenario che riempie veramente l’occhio e un patrimonio della città». Con lui è salito sul palco lo storico vignettista del vernacoliere Andrea Camerini che ha presentato il suo albo “Il Troio 8”, che come dice Militello: «sta battendo tutti i record di longevità, inoltre Andrea porta avanti da anni la sgangheratissima casa di produzione Grezzo film dove si diverte a fare con grande amore per il cinema le parodie di capolavori del passato. Con Andrea viviamo una specie di derby permanente visto che lui è di Baratti». Militello ricorda anche un episodio simpatico, quando il direttore de Il Vernacoliere Mario Cardinali gli dedico una locandina: «C’era scritto: tragici effetti di Cherniobyl, è nato un pisano furbo. Me la invio a casa e l’ho sempre visto come un attestato di stima e di affetto». In serata Militello ha presentato due volumi legati al calcio a cominciare da “Gli ultimi ribelli” di Pierluigi Spagnolo: «un volume dettagliatissimo sul mondo ultras, scritto da un giornalista poco convenzionale che è stato bravo a togliersi i paraocchi su questo argomento. A Pisa tra l’altro c’è una realtà ultras molto forte e che per certi versi ha fatto scuola». Molto interessante anche “Nedo Ludi” di Pippo Russo: «Pippo è il medico legale del calcio moderno e il più grande esperto su fondi d’investimento, plusvalenze e magheggi vari a cui assistiamo negli ultimi tempi».