Comitato e candidati in marcia per le primarie

Centrosinistra: stasera il ritrovo di “In lista per Pisa”, domani i sostenitori di Dario Danti. Gruppo su Facebook: anche Pizzanelli partecipi il 29

PISA. Il centrosinistra resta in attesa del regolamento delle primarie che deve arrivare dai reggenti del Pd entro oggi, a meno di scelte “politiche” da Roma. Intanto, mentre le polemiche dopo l’assemblea di venerdì scorso sono ancora accese (per lo stop alla candidatura a sindaco di Giuliano Pizzanelli saltata per appena due voti), le varie forze cominciano ad organizzarsi per le consultazioni di domenica 29.

Stasera si ritrova “In lista per Pisa”, la compagine civica che esprime in giunta il vicesindaco Paolo Ghezzi. Mentre domani si terrà alle Officine Garibaldi (ore 21) la prima assemblea pubblica a sostegno della candidatura di Dario Danti a sindaco di Pisa, per ora l’unico concorrente di Andrea Serfogli alle primarie. «Da sempre ritengo le primarie - dice Danti - la modalità migliore per selezionare le candidature per le elezioni amministrative e politiche. È uno strumento che consente di motivare le persone. Meglio la partecipazione e l’apertura che decidere in pochi, magari sempre i soliti. Siamo in campo per cambiare la città, per proporre idee e persone. Domenica 29 aprile sia una grande festa della democrazia e della partecipazione, e queste due settimane di campagna elettorale siano occasione di ascolto, di condivisione delle problematiche e di costruzione del programma che ci permetterà di affrontare la sfida contro le destre per impedire che questa città sia governata dalla Lega».

Si muove anche, con un appello alla partecipazione, il comitato per le primarie che aveva organizzato i due precedenti incontri alle Officine Garibaldi con un buon successo di presenze. «Le primarie saranno l’occasione, tanto attesa dagli elettori e dalle elettrici che si riconoscono nel centrosinistra, per discutere di temi e programmi», dice il professor Marco Rossi, coordinatore del comitato di cui fanno parte anche di cui fanno parte anche Massimiliano Bacchiet, Carlo Casarosa, Massimo Catastini, Susanna Falsetti, Rita Lucchi, Renata Palmieri, Aurelio Pellegrini ed Enrico Stampacchia.

Il comitato per le primarie del centrosinistra è già al lavoro «per sviluppare - dice Rossi - un programma di appuntamenti che offrano l’occasione della più ampia partecipazione possibile da parte degli elettori ed elettrici pisane in vista della chiamata ai gazebo prevista per domenica 29 aprile. Chiederemo l’aiuto di volontari ed useremo ogni mezzo per coinvolgere tutti i cittadini progressisti», offrendo l’opportunità «di un confronto tra candidati diversi, ma uniti da valori ed obiettivi comuni, che aspirino a rappresentare uno schieramento progressista largo e vincente. Tra questi vi saranno sicuramente Andrea Serfogli, che l’assemblea cittadina del Pd aveva già indicato in modo unitario come suo possibile candidato in una sua precedente assemblea, e Dario Danti come rappresentante di “Campo Progressista-Pisa e Il Mondo”. Altri candidati che si riconoscono nello stesso percorso potrebbero aggiungersi».

A proposito di polemiche dopo l’assemblea, Giovandomenico Caridi (amministratore della Navicelli Spa) lancia su Facebook il gruppo aperto “Vogliamo Giuliano Pizzanelli alle primarie del 29 aprile”. (f.l.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.