Maxi operazione delle forze dell'ordine: sei espulsi e quattro arresti - Video

Pisa: polizia di Stato, carabinieri, guardia di finanza e municipale in azione fra la stazione e piazza dei Cavalieri. Una decima persona, latitante, è stata assicurata alla giustizia

Spacciatori espulsi: la partenza da Pisa

PISA. Hanno battuto in lungo e in largo tutta la città, come previsto dalle direttive del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto, Angela Pagliuca. Polizia di Stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale si sono concentrati in tutti i quartieri, in particolar modo fra piazza dei Cavalieri e la stazione centrale. Espellendo sei persone e arrestandone altre tre, con un decimo malvivente (latitante) trovato e assicurato alla giustizia.

Così le volanti di Pisa, guidate da Fabrizio Valerio Nocita, il Reparto prevenzione crimine Toscana e un contingente della Squadra mobile di Firenze, nelle vicinanze di piazza Vittorio Emanuele II e di piazza dei Cavalieri, in due distinti interventi martedì 3 luglio hanno sorpreso tre spacciatori (una cittadina italiana e due extracomunitari) in possesso di dosi di stupefacenti pronte per la vendita. I tre sono stati arrestati.

Spacciatori espulsi: il viaggio verso il Cie di Bari

È stato inoltre rintracciato e assicurato alla giustizia un latitante di cittadinanza tunisina, ricercato in seguito a condanna per reati di lesioni aggravate e maltrattamenti. Complessivamente sono state identificate circa 100 persone, di cui oltre la metà costituita da cittadini extracomunitari, e controllati circa 20 veicoli. Sono state eseguite quattro perquisizioni.
 
Nei confronti di tre cittadini extracomunitari risultati non in regola con le disposizioni in materia di soggiorno sul territorio nazionale sono stati adottati altrettanti provvedimenti di espulsione dal prefetto. Uno dei destinatari del provvedimento di espulsione, di nazionalità senegalese, sarà trasferito al centro di permanenza per il rimpatrio di Bari, per il successivo allontanamento dal territorio nazionale. Sono stati trattenuti in questura altri sei stranieri, sulla cui posizione sono in corso accertamenti, finalizzati all’accompagnamento al centro per il rimpatrio.
 
Un'auto della polizia di Stato in piazza Garibaldi
 
Durante i controlli, inoltre, in piazza delle Vettovaglie i carabinieri hanno rintracciato e arrestato un cittadino tunisino trentaseienne, ricercato dall’11 giugno scorso in quanto destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Pisa a seguito delle reiterate violazioni degli obblighi derivanti dal divieto di avvicinamento all’ex convivente. Lo stesso è stato messo in carcere. 
 
I militari hanno identificato 30 persone nei pressi di stazione ferroviaria, piazza delle Vettovaglie e piazza dei Cavalieri, proponendo alle autorità di sicurezza l’emissione del provvedimento di espulsione a carico di:
- un cittadino senegalese trentacinquenne senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato, irregolare sul territorio nazionale, controllato in piazza Bolelli;
- un cittadino tunisino venticinquenne e uno trentaduenne, entrambi senza fissa dimora, nullafacenti, pregiudicati, irregolari sul territorio nazionale, controllati dagli operanti in via della Croce Rossa.
I tre extracomunitari, al termine delle formalità di rito, sono stati avviati presso il centro di permanenza per i rimpatri di Bari per la successiva espulsione dal territorio nazionale. 
 
Sempre nel contesto dei controlli eseguiti sono stati denunciati all’autorità giudiziaria una straniera ventiduenne, pregiudicata, per inosservanza del foglio di via obbligatorio dal Comune di Pisa e due italiani rispettivamente di 41 e 37 anni sorpresi alla guida in stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti.

Commenta Susanna Ceccardi, vicesegretario regionale della Lega: “Grazie al magistrale intervento delle forze dell'ordine, in una settimana, siamo già a quota sei espulsioni di irregolari con reati a carico. Il vento è cambiato”.

Edoardo Ziello, deputato e segretario della Lega di Pisa: “Con il supporto di Roma si può fare del bene per la nostra città, a differenza di quanto sosteneva il Pd e lo stiamo dimostrando con fatti concreti. Il nostro assessore alla sicurezza di Pisa, Giovanna Bonanno, avrà tutto l’aiuto possibile”.Bonanno: “I miei ringraziamenti sono rivolti all’operato di tutte le forze dell’ordine, nonché al sostegno e all’interessamento del ministro Salvini. A breve cominceranno altre operazioni funzionali al contrasto dell’abusivismo commerciale prevedendo delle postazioni fisse della polizia municipale e delle forze dell’ordine nelle zone più calde della città”.