Pensionato aggredito e derubato al Lago Nero

Dalle parole alle botte per i cani tenuti liberi. Gli aggressori sono ricercati dai carabinieri

ABETONE. Brutta avventura per un 67enne di Fiumalbo (Mo), che stava percorrendo nel pomeriggio di mercoledì 27 giugno un sentiero in località Lago Nero.

Ad un certo punto l'uomo si è imbattuto in tre cani liberi, di grossa taglia. Ha temuto che lo aggredissero e si è servito di un bastone per intimorirli e allontanarli da sè, suscitando le ire del proprietario che nel frattempo era sopraggiunto e che, invece di richiamare i cani, ha sferrato un pugno al volto del 67enne.

Il pensionato aveva un caschetto dotato di una go-pro, del valore di circa 200 euro. L'ha azionata per documentare l'aggressione, ma il proprietario dei cani è stato raggiunto, e spalleggiato, da un gruppetto di amici, descritti come giovani sui 30 anni, che lo hanno gettato a terra strappandogli la telecamera dal caschetto e dileguandosi rapidamente.

Il 67enne, che ha riportato contusioni ed abrasioni al volto, è tornato all'Abetone, dove ha denunciato l'accaduto a una pattuglia di carabinieri della locale Stazione incontrata nell'abitato. Insieme a una pattuglia di carabinieri forestali, i militari hanno immediatamente avviato le ricerche del gruppetto di aggressori, che per il momento non sono stati individuati. Sono in corso indagini per i reati di aggressione e rapina.