Era nel mirino dei bulli, ora è una miss

di Sabrina Chiellini

La rivincita a Miss Toscana di una delle ragazze della provincia di Pisa che sono arrivate alla finale regionale

"Ero bersaglio dei bulli, oggi sono una Miss", la rivincita di Maria Rosaria

CASCIANA TERME Bisogna pur incontrare qualche bruco se poi vogliamo vedere volare le farfalle.

Maria Rosaria Scotto, studentessa di 18 anni, di San Romano nel comune di Montopoli Valdarno, aspirante reginetta di bellezza, oggi può raccontare la storia del bruco che si prepara a diventare farfalla. Lei l’ha vissuto in prima persona questo cambiamento e ne va giustamente orgogliosa. Quando frequentava le medie in tante occasioni i compagni l’hanno presa in giro perché era robusta. Le passerelle di Miss Toscana e ora la finale regionale a Casciana Terme – in programma il 22 agosto – sono un’occasione importante per dire al mondo che si può cambiare e che la qualità di una persona va oltre le apparenze. Maria Rosaria – capelli mori e un bellissimo sorriso – ha compiuto 18 anni lo scorso 15 luglio. Deve frequentare l’ultimo anno del liceo scientifico “Marconi” a San Miniato e poi studierà per poter frequentare la facoltà universitaria di medicina e chirurgia e seguire così le orme dei genitori che sono entrambi medici. «Perché mi sono iscritta a Miss Toscana? Semplice – la voce è calma ma con un bel tono deciso –: volevo mettermi in gioco. Per me rappresenta anche una bella rivincita. Dopo che i compagni di scuola hanno cercato di isolarti, sei stata bersaglio di qualche comportamento di bullismo, ecco che poi all’improvviso tutto può cambiare. E allora arrivano a chiederti il numero di telefono per uscire... A me questo è successo».

Se questa pagina di piccoli dispetti fa parte del passato, la studentessa di San Romano non nasconde di sentirsi orgogliosa di essere diventata un piccolo fiore. «Ma quante volte mi hanno detto che ero brutta, mi piaceva mangiare e un po’si vedeva. Poi crescendo si cambia ed ecco la farfalla, libera di volare...». Maria Rosaria è una delle quattro miss che rappresentano la provincia di Pisa alla finale regionale del concorso di bellezza più amato dalle ragazze italiane. Insieme a Maria Rosaria c’è anche Greta Dini, 22 anni, di Santa Maria a Monte.

Pure lei si è iscritta al concorso vedendolo come una sfida, per mettersi alla prova. Lei lavora come impiegata a Santa Croce sull’Arno in un’azienda che tratta pellame. I suoi primi sostenitori sono il fratello Lorenzo, 29 anni, e il fidanzato Jonathan. Martina Iacomelli, 21 anni, di Marina di Pisa, frequenta la facoltà di giurisprudenza a Pisa e nel tempo libero segue un corso di teatro. «Credo – dice – che questo concorso possa essere un’esperienza formativa per chi, come me, vuole saperne di più del mondo dello spettacolo e del teatro. Per ora mi sto divertendo, conosco tante persone è un’esperienza positiva». I suoi primi sostenitori sono i genitori, proprietari del ristorante “da Gino”, molto conosciuto sul litorale pisano. Rappresenta la provincia anche Martina Bonacchi, 25 anni, di Buti, un lavoro da receptionist in un albergo a Montecatini Terme e la voglia di provare come ci si sente davanti al pubblico, sfilando su una passerella. E al tempo stesso di capire quelle che possono essere le opportunità di un concorso di bellezza che resiste al cambiamento delle mode e delle abitudini. Le vedremo a Casciana Terme. Ieri si sono sfidate insieme al gruppo delle 26 finaliste regionali nel corso della serata che si è svolta a Castelnuovo Valdecina per l’assegnazione della prima fascia regionale, quella di Miss Eleganza Toscana. Una fascia che permetterà alla vincitrice di accedere, oltre che alla finale regionale di Miss Toscana in programma per mercoledì 22 agosto per la 37esima volta a Casciana Terme, anche alle pre-finali nazionali in programma a partire dal 3 settembre a Jesolo. –