Sicurezza 

Torna a rubare da Iacopini: viene scoperto e denunciato

di S. C.

I carabinieri inseguono l’autore del secondo raid ai danni del negozio di via Pisana riescono a bloccarlo e a recuperare alcune delle costose biciclette fatte sparire

PONTEDERA

Si dice che si torni sempre sul luogo del delitto. In questo caso, cioè per quello che riguarda il doppio furto avvenuto in meno di tre giorni nel negozio di biciclette “Iacopini” in via Pisana, è stato il ladro a tornare una seconda volta sulla stessa scena.

La seconda volta il ladro acrobata, in grado di calarsi dal tetto e di scendere giù anche da sette metri di altezza, è stato scoperto e inseguito.

I carabinieri di Pontedera avevano già qualche sospetto. Lui e un altro 47enne, con problemi di tossicodipendenza arrestato pochi giorni fa dopo un doppio furto in via della Misericordia, danno del filo da torcere alle forze dell’ordine che negli ultimi mesi li hanno denunciati più volte in seguito a furti avvenuti in città.

Nel fine settimana il giovane senza fissa dimora – è nato nel 1988 a Palermo ma vive da molti anni in provincia di Pisa – era entrato nel negozio di biciclette di via Pisana calandosi dal tetto, attraverso un passaggio che si era aperto nei lucernari. Nessuno lo aveva visto e lui si era dileguato, forse con un complice, lasciandosi alle spalle un danno di diverse decine di migliaia di euro.

Vista la facilità con cui era riuscito a raggiungere le biciclette, lo stesso giovane ha pensato bene di ripetere il lavoro. Tanto ormai la strada la conosceva. Non gli restava che mettere in atto lo stesso copione e calarsi dal tetto, passando dal lucernario. Ma una cittadina che abita a due passi dal negozio ha sentito dei rumori sospetti e ha cercato di capirne qualcosa di più. Si è affacciata e ha capito che il ladro era tornato a fare visita nel negozio.

Ha chiamato i carabinieri che hanno visto il giovane allontanarsi, anche se non hanno potuto bloccarlo nell’immediatezza del fatto e questo ha di fatto consentito al ladro di evitare l’arresto.

Il rapido blitz nel negozio si era concluso con un altro colpo da circa 8mila euro. Il giovane era infatti riuscito a prendere due biciclette che sono poi state recuperate dai carabinieri: una di queste, una mountain bike, costa circa 4. 500 euro. Per cui si fa presto ad arrivare a una cifra importante, come aveva spiegato dopo il primo furto il titolare del negozio preso di mira, Roberto Iacopini.

Poco dopo la pattuglia dell’Arma, che era impegnata nelle ricerche, ha intercettato il ladro in sella a una bicicletta rubata. Ne è nato un inseguimento e alla fine l’autore del furto, arrivato al villaggio Gramsci, ha abbandonato la mountain bike e si è dato alla fuga a piedi. È stato però acciuffatto e “invitato” a dire dove aveva portato l’altra bicicletta, rubata la sera stessa. Non deve essere stato semplice, ma alla fine il malvivente ha messo i carabinieri nella condizione di recuperare anche la seconda bici.

Sul primo furto è stato vago e ha detto di avere venduto due biciclette a un ricettatore a Pisa. I controlli effettuati ieri dai carabinieri hanno portato a recuperarne due. Ora all’appello ne mancano altre due.

Dopo tutto questo lavoro, l’autore dei due furti se l’è cavata con una denuncia in stato di libertà in quanto era trascorsa la fragranza e la misura dell’arresto non poteva essere applicata.

Bici recuperate e autore dei furti potenzialmente pronto a riprendere la sua attività. –

S. C.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI