Laura Mazzetti premiata con l’Oscar della calligrafia

di Vezio Trifoni

Prato, la cerimonia degli Italian Wedding Awards si è svolta alla Fortezza da Basso. «I miei lavori sono pezzi unici: dai colori degli allestimenti, agli arredi e agli abiti»

PRATO. Quando talento e passione si incontrano nascono opere d’arte, la pratese Laura Mazzetti, Wedding Letters, premiata con l'oscar della calligrafia. Nella splendida cornice della Fortezza da Basso si sono celebrati gli Italian Wedding Awards, prestigiosi riconoscimenti che premiano le eccellenze e le professionalità nel settore del matrimonio italiano.

L’appuntamento quest’anno era a Firenze, dopo la prima edizione svoltasi a Roma, ed è stata una vera e propria notte degli Oscar dedicata all’eleganza ed al raffinato mondo del wedding. Nella sala dell’ Arsenale davanti ad una platea di oltre trecento invitati italiani ed internazionali, ad un parterre tra più famosi personaggi del settore e ad una folta rappresentanza giornalistica delle maggiori testate e reti televisive sono stati premiati coloro che si sono distinti nel corso del 2017, ciascuno per ogni categoria riguardante il settore Wedding. Dagli organizzatori ai fioristi, dai cake designer ai celebranti alle migliori locations.

Nella giuria erano presenti professionisti del settore tra i quali Vincenzo Dascanio famoso Flower design. Laura Mazzetti The Wedding Letters è stata insignita del primo premio nella categoria Calligraphy distinguendosi per la qualità e la creatività dei propri lavori che sono stati commissionati per i più svariati eventi ed in particolare i matrimoni.

«I miei lavori sono pezzi unici - spiega Laura Mazzetti -creati e realizzati insieme agli sposi, dai colori degli allestimenti a quelli dell’abito, dagli arredi alle locations. Una sintesi di ciò che sarà il giorno più importante della loro vita, desideri compresi. Dalle semplici partecipazioni ai tableaux de marriage, agli inviti scritti su particolari carte a superfici più impensabili come le foglie i miei lavori si distinguono per l’attenzione ai dettagli ed alla ricerca di particolari materiali frutto di collaborazioni con fornitori selezionati».

Come ha iniziato questa avventura nel Wedding?

«Tutto è iniziato per caso - continua l'artista pratese - frequentando la bottega di un noto calligrafo fiorentino ho perfezionato l’arte della scrittura è da lì la passione mi ha condotto a farne una professione. La continua ricerca e la costante attenzione alle tendenze mi porta a sviluppare e ad ampliare le mie proposte così che ad oggi mi posso definire una calli-graphic-designer poiché unisco le tecniche calligrafe grafiche e disegni a china ed acquerelli realizzati di mia mano». Prato protagonista anche in questo settore .