Elezioni, a Prato trionfo del centrodestra: all'uninominale vincono Silli e La Pietra

di Paolo Nencioni

I candidati di Forza Italia e Fratelli d'Italia sovvertono i pronostici e battono quelli del centrosinistra. Boom della Lega, crollo del Pd. La mappa interattiva del voto sezione per sezione

PRATO. Soffia forte anche a Prato il vento che sta sconvolgendo il panorama politico italiano. Via via che arrivavano i risultati delle prime sezioni scrutinate, si è capito che i candidati del centrosinistra faticavano a reggere il confronto con gli avversari della coalizione di centrodestra anche nei due collegi di Camera e Senato che fino a ieri sembravano blindati per il Pd. E così Giorgio Silli (Forza Italia) alla fine di una lunga nottata ha avuto la meglio su Benedetto Della Vedova (candidato di +Europa per il centrosinistra) alla Camera, mentre Patrizio La Pietra (Fratelli d'Italia) ha staccato inesorabilmente la parlamentare uscente Caterina Bini (Pd) al Senato. Un risultato inimmaginabile solo poche settimane fa e che apre scenari inediti anche in vista delle elezioni amministrative del prossimo anno.

I RISULTATI DEFINITIVI ALL'UNINOMINALE DI CAMERA E SENATO

Camera.Giorgio Silli (Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia) 52.460 voti (34,6%); Benedetto Della Vedova (Pd, +Europa, Civica popolare, Italia Europa insieme) 50.091 (33%); Yana Chiara Ehm (M5S) 37.171 (24,5%); Luca Mori (LeU) 5.654 (3,7%), Alessandro Bonacchi (Potere al popolo) 1.735 (1,1%); Enrico Zanieri (Partito comunista) 1.476 (1%); Sara Benigni (CasaPound) 1.418 (0,9%); Claudio Vitulli (Il popolo della famiglia) 1.002 (0,7%); Carlotta Mori (Italia agli italiani) 616 (0,4%).

Il post di Giorgio Silli su Facebook

Senato.Patrizio La Pietra (Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia) 98.931 (35,7%); Caterina Bini (Pd, +Europa, Italia Europa insieme, Civica popolare) 90.711 (32,7%); Ubaldo Nannucci (M5S) 66.619 (24%); Angela Riviello (LeU) 9.428 (3,4%); Mara Nistri (Potere al popolo) 2.912 (1%); Facchinetti Alessandro (Partito comunista) 2.609 (0,9%); Antonietta De Ieso (CasaPound) 2.590 (0,9%); Matteo Cappelletti (Il popolo della famiglia) 1.627 (0,6%); Anna Trinchese (Italia agli italiani) 1.409 (0,5%); Mario Capecchi (Per una sinistra rivoluzionaria) 352 (0,1%).

Elezioni, sezione troppo lenta: arriva la Digos

I VOTI DEI PARTITI

Camera. Lega 17,8%, Forza Italia 11,2%, Fratelli d'Italia 4,6%, Noi con l'Italia 0,5%; Partito democratico 30,5%, +Europa 2,4%, Civica popolare 0,4%, Italia Europa insieme 0,4%; Movimento 5 Stelle 24,5%; Liberi e Uguali3,6%; Potere al popolo 1,1%; Partito comunista 1,1%; CasaPound 1%; Il popolo della famiglia 0,6%; Italia agli italiani 0,4%.

Senato. Lega 19,1%, Forza Italia 11,8%, Fratelli d'Italia 4,6%, Noi con l'Italia 0,6%; Partito democratico 29,9%, +Europa 2,2%, Italia Europa insieme 0,4%, Civica popolare 0,3%; Movimento 5 Stelle 23,8%; Liberi e Uguali 3,3%; Potere al popolo 1%; Partito comunista 0,9%; CasaPound 0,9%; Il popolo della famiglia 0,6%; Italia agli italiani 0,5%; Per una sinistra rivoluzionaria 0,1%.

Al termine della maratona notturna degli scrutini il panorama del voto locale ne è uscito profondamente modificato, come si vede anche dalla mappa pubblicata dall'ufficio elettorale del Comune di Prato e che è riferita ai risultati nel collegio della Camera. Una mappa dove Prato si è ricoperta di macchie blu (centrodestra) che hanno preso il posto del rosso (centrosinistra). Per accedere alla mappa interattiva del voto sezione per sezione basta cliccare qui.

La mappa del voto di Prato nel collegio della Camera

LA CRONACA DEL TESTA A TESTA NELLA NOTTE

Quando mancano poche decine di sezioni su Prato Caterina Bini, parlamentare uscente del Pd, è avanti di una manciata di voti su Patrizio La Pietra, candidato del centrodestra: 34,15% contro 33,86% (ma a Pistoia a tre quarti dello scrutinio è avanti di quasi quattro punti). Secondo i dati del Viminale, invece, su 338 sezioni scrutinate su 541 del collegio Prato-Pistoia, il candidato del centrodestra è avanti di oltre tre punti. Ancora più incerta la sfida alla Camera, dove il candidato del centrodestra Giorgio Silli è partito a razzo nelle prime 18 sezioni scrutinate col 36,12% contro il 33,45% del candidato del centrosinistra Benedetto Della Vedova. La candidata del Movimento 5 Stelle, Yana Chiara Ehm, si ferma al 24%, in pratica gli stessi voti presi dalla lista di Grillo nel 2013.

GIORGIO SILLI: "HO VINTO GRAZIE AL LAVORO DI SQUADRA E AD UNA CAMPAGNA BASATA SULLE PROPOSTE"

Il sorpasso del candidato di +Europa (Della Vedova) si materializza per una manciata di voti poco prima delle 2 con un ottavo delle sezioni scrutinate in provincia di Prato (43 su 242), mentre al Senato con oltre la metà delle sezioni pratesi scrutinate (156 su 242) La Pietra continua a tallonare Caterina Bini.

Passano pochi minuti e arriva il controsorpasso di Silli: con un sesto delle sezioni scrutinate (60 su 242) il candidato del centrodestra torna avanti di quasi un punto percentuale. Un divario che cresce con l'arrivo dei risultati delle sezioni: quando ne sono state scrutinate 95 su 242 Silli è avanti col 35,11% rispetto al 33,28% di Della Vedova. Potrebbe essere l'allungo decisivo. Alle 3, con 170 sezioni scrutinate su 242, sembra quasi fatta per Silli, avanti col 34,61% e oltre mille voti in più rispetto al 33,29% di Della Vedova.

Elezioni: trionfo M5S. Renzi lascia la carica da segretario. La Toscana è meno rossa, boom della Lega 

Il boom della Lega. Già ora si intravede la più rilevante novità rispetto alle elezioni politiche del 2013, quando la Lega Nord alla Camera racimolò le briciole (0,86% e 1.201 voti in tutta la provincia di Prato), mentre adesso vola ben oltre il 17% diventando, come nel resto del paese, la prima forza del centrodestra. Pur non avendo a Prato un "suo" candidato e avendo fatto una campagna elettorale ridotta ai minimi termini.

Il crollo del Pd. Di contro, il Partito democratico alla Camera paga dazio allo tsunami che spazza lo scenario politico nazionale e al momento perde quasi sette punti (dal 37,4% del 2013 al 30,6% del 2018 con quasi la metà delle sezioni scrutinate). Senza la scissione di Liberi e Uguali (3,7%) non avrebbe comunque avuto problemi a confermare il deputato.

VAIANO, CENTROSINISTRA AVANTI PER 150 VOTI

"Un vero disastro - commenta l'ex coordinatore regionale di Campo Progressista Diego Blasi - Avevamo chiesto discontinuità su politiche e leadership del centrosinistra e ci prendevano per pazzi. E i risultati si vedono. Il primo tempo ha visto una sonora sconfitta di tutto il centrosinistra. Il secondo tempo, nel 2019, se viene giocato così potrebbe diventare una catastrofe. Dobbiamo ricostruire tutto".

A POGGIO A CAIANO VINCE IL CENTRODESTRA

Le reazioni. “Un risultato che dà dignità al territorio, un traguardo importantissimo che ora mi impegno a tradurre in fatti concreti. Grazie agli elettori che mi hanno dato fiducia, grazie al mio partito – Fratelli d'Italia – che ha creduto in me, grazie ai partiti della coalizione che mi hanno sostenuto. La squadra è forte e compatta, questa è la vittoria di tutti”. Così Patrizio La Pietra, candidato del centrodestra unito al collegio uninominale di Prato e Pistoia. “E' stata una campagna elettorale breve ma intensa, fatta di incontri e soprattutto di ascolto. Le istanze del territorio da rappresentare a Roma sono tante, frutto di anni di incapacità politica e lassismo. A ben poco sono serviti gli spot elettorali del centrosinistra che a pochi giorni dal voto ha tirato fuori progetti, promesse, soldi come se il voto fosse solo un atto di fede. C'è bisogno di concretezza e su questo è massimo il mio impegno già da ora. Sono al servizio di questo territorio nel quale vivo e lavoro, e il fatto di farne parte è una garanzia del senso del dovere e della cura con cui porterò avanti il mandato che mi è stato dato dai cittadini. Il tempo dimostrerà quanto questa vittoria sia una vittoria vera, concreta e di tutti”. 

CANTAGALLO, IL CENTROSINISTRA TIENE

 Scelta civica. "Quando Scelta civica Prato ha dato il proprio sostegno a Giorgio Silli aveva dichiarato espressamente che lo avrebbe condotto alla vittoria su Benedetto Della Vedova esattamente come aveva fatto nel congresso nazionale di Scelta civica quando la dirigenza pratese sostenne Enrico Zanetti contro l'allora sfidante alla segreteria Della Vedova.

EXPLOIT DELLA LEGA NORD A MONTEMURLO

"Siamo contenti di aver contribuito a mandare in Parlamento un pratese e di aver sconfitto ancora una volta Della Vedova - si legge in una nota di Scelta civica - Il nostro contributo ponderato e deciso per dare forza ad una politica che guarda al territorio e non a chi catapulta dall'alto personaggi peraltro dalla dubbia moralità politica. Non possiamo quindi che ritenerci soddisfatti e fare i complimenti e gli auguri di buon lavoro al neodeputato Giorgio Silli".

VERNIO IL COMUNE PIU' A SINISTRA DELLA PROVINCIA

Scelta civica ha anche ovviamente sostenuto il candidato al senato Patrizio La Pietra, a sua volta eletto. "Un altro successo per dare un valore a chi ha deciso di fare politica guardando e ascoltando i problemi della gente e non discutendo nelle buie stanze delle segreterie dei partiti".

LA LEGA E IL CENTRODESTRA VINCONO ANCHE A CARMIGNANO