In due abitazioni 33 letti e 30 macchinari

Prato, ennesimo blitz della Municipale, questa volta in case di via Zipoli trasformate in confezioni e dormitori. Denunciati i due titolari

PRATO. "L'attività di controllo sul territorio è costante, non possiamo permettere l'esistenza di situazioni di pericolosità come quelle trovate questa mattina". Il sindaco Matteo Biffoni sottolinea l'importanza delle continue ispezioni e indagini della Polizia Municipale per contrastare il diffondersi del fenomeno delle case-laboratorio, come quelle trovate questa mattina dagli agenti in via Zipoli. Due terratetto dove avevano sede due diverse confezioni per produzione di abiti pronto moda. In una sono stati individuati 9 posti letto e 14 macchinari, con una conduzione della produzione a livello familiare. Secondo quanto riferito in un primo momento da una persona che viveva e lavorava sul posto, nell'abitazione è stata trasferita parte della produzione di una ditta esistente in un magazzino in via del Campaccio.

Nella casa accanto, sempre un terratetto, sono stati trovati dagli agenti 24 posti letto e 16 macchinari. In entrambe le abitazioni sono state identificate le persone presenti, tutte regolari sul territorio, e sono stati riscontrati precari stati igienico-sanitari, presenza di bombole, cavi della corrente non messe in sicurezza. Sono stati denunciati i due titolari di fatto delle attività e al vaglio dell'autorità giudiziaria sarà sottoposto il sequestro di immobili e macchinari per molteplici violazioni come omissione delle cautele di prevenzione antincendio, violazione delle norme sulla sicurezza, ampliamenti non autorizzati, violazione norme antiinfortunistica e gestione illecita di rifiuti speciali, poichè non risultano registri di smaltimento degli scarti tessili della produzione.