Sarà riesumata la salma di David Rossi, il capo comunicazione Mps che precipitò da Rocca Salimbeni

L'inchiesta è stata riaperta sulla base di perizie prodotte dal legale della famiglia. Un accertamento necessario per chiarire se si trattò effettivamente di suicidio

SIENA. La salma di David Rossi, ex capo area comunicazione di Banca Mps, morto il 6 marzo 2013, dovrebbe essere riesumata mercoledì prossimo, 6 aprile. La procura della Repubblica di Siena, come disposto il 22 marzo scorso, affiderà l'incarico ai professionisti designati mercoledì stesso per poi procedere, in mattinata, alla riesumazione. Rossi morì precipitando dalla finestra del suo ufficio: al termine della prima inchiesta il caso venne archiviato dal gip di Siena come suicidio, ipotesi fin da subito contestata dalla famiglia del giornalista.

La vedova di David Rossi: "Non si sarebbe mai suicidato. Qualcuno temeva che parlasse..."
L'inchiesta è stata riaperta nel novembre scorso sulla base di alcune perizie prodotte dal legale della famiglia, l'avvocato Luca Goracci. La salma, dopo la riesumazione, sarà trasportata, sotto scorta, a medicina legale a Milano dove vi sono apposite apparecchiature tecnologiche per l'effettuazione degli esami. Oltre alla riesumazione, la procura aveva disposto la simulazione della caduta del corpo di Rossi e un nuovo sopralluogo sui luoghi dove avvenuta la morte. Per la simulazione e il sopralluogo non sarebbe stata ancora fissata la data ma, secondo quanto si apprende, non si esclude che possano essere effettuati nella stessa giornata di mercoledì.