Ok del Governo all’iter accelerato per la riforma del telemarketing aggressivo

di Ilaria Bonuccelli

Il governo sblocca la legge e consente di votare la riforma in sede deliberante

ROMA. Parere favorevole del governo all’iter accelerato per la riforma del telemarketing aggressivo. La Camera potrà ora votare con iter accelerato la legge che modifica il registro delle opposizioni e consente a tutti gli abbonati di iscriversi e proteggersi così dalle chiamate non desiderate.

Con il parere favorevole appena espresso il governo consente di votare la riforma in sede deliberante e cioè consente di votare la legge in commissione (nelle commissioni attività produttive e lavori pubblici) senza passare dall’aula.

Dopo questo voto la legge dovrà tornare al Senato in commissione per il voto definitivo perché il testo è stato modificato alla Camera. Questo per tutelare non solo i diritti dei consumatori ma anche i posti di lavoro (circa 25mila) degli operatori di call center.

Si compie così un nuovo passo avanti verso l’approvazione della riforma che Il Tirreno sostiene da oltre un anno con l’appoggio di quasi 122mila abbonati che hanno sottoscritto la petizione per ottenere una nuova legge contro le chiamate commerciali indesiderate.