Gli abitanti di Pietrasanta pronti a organizzare le ronde

di Luca Basile

«Siamo stufi di tutti questi bulli, vigileremo noi». Sono cinque le zone del centro dove si registrano più spesso problemi

PIETRASANTA. A Pietrasanta c'è chi è pronto alle ronde contro i gruppetti di bulli, giovanissimi, responsabili di atti vandalici, aggressioni verbali e non solo. Due di loro avrebbero avvelenato e ucciso un cagnolino.

"Non si possono fare le ronde? Non si può nemmeno rubare, minacciare o avvelenare un cane, come sta succedendo eppure c'è chi lo fa. E resta spesso e volentieri impunito. E allora tanto vale organizzarsi e vigilare anche a tutela di chi ha paura e non denuncia". Giacomo Corsetti, pietrasantino, non ha dubbi: l'escalation di episodi di bullismo e violenza a Pietrasanta e dintorni è ben oltre la soglia di tolleranza.

Il centro storico in mano a poche decine di vandali

"Molte persone - continua Corsetti - la pensano come il sottoscritto: la situazione sta degenerando e non regge più la scusa che sono minorenni, che hanno problemi a casa con i loro genitori, che vanno supportati psicologicamente. Fra l'altro alcuni di questi ragazzotti che si comportano in modo così vile e crudele, sono già noti a molti di noi e sono tenuti sotto controllo a distanza. Poi non ci dobbiamo meravigliare se un giorno qualcuno perde la pazienza e rifila due schiaffi al bulletto di turno. Posso però comprendere i timori della persona che non intende denunciare i responsabili dell'avvelenamento del cagnolino: forse teme ritorsioni, forse ancora pensa che la sua parola contro quella di questi bastardi abbia poco valore. Ma dobbiamo trovare la forza di cambiare questo stato di cose, perchè va avanti da troppo tempo. C'è rabbia, disgusto: ecco perchè ritengo giusto rispondere e dare vita ad un'attenta sorveglianza nelle cosiddette zone più calde del territorio, ed in particolare del centro storico, da parte di un gruppo di cittadini. E le ronde, a nostro avviso, sono una soluzione".

Presa di posizione, quella di Corsetti, destinata ovviamente a fare discutere. E a proposito del centro città, le zone 'attenzionate' e più calde resta no le solite: il parco e la via della Fontanella, piazzetta del Centauro, piazza Duomo, piazza Carducci e ancora, come new-entry, l'area della stazione cittadina.

Nicchie ed angoli frequentati pomeriggio e sera - con ' punte' di presenze nel fine-settimana - soprattutto da giovani di età compresa fra i 15 e i 18 anni. Non tutti sono di Pietrasanta, visto che molti risiedono a Strettoia o nel comune di Seravezza, altri ancora arrivano da Viareggio. La maggioranza si diverte in tutta tranquillità senza creare problemi. Poi ci sono, come dice il Sindaco, " 10 scemi che condizionano gli altri". Ma forse, " 10 scemi" è una visione numerica un pò ottimistica.